Prosegue la digitalizzazione dell’INAIL e con essa anche della trasmissione di notifiche verso l’ente, quale in questo caso quella per la verifica degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e impianti di messa a terra (argomento di cui ci siamo già occupati in passato riguardo alle comunicazioni INAIL in Umbria presso le sedi di Perugia e Terni su questo blog qua e qua). E’ notizia di questi giorni la conversione in legge del Decreto Legge 162/19Disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonche’ di innovazione tecnologica“. Di fatti è il classico decreto milleproroghe il cui articolo 36 si intitola appunto “Informatizzazione INAIL” e aggiunge un articolo 7 bis al vecchio Decreto del Presidente della Repubblica 462/2001 in cui si stabiliscono alcuni punti ulteriori:

  • l’INAIL predispone la banca dati informatizzata delle verifiche per digitalizzare la trasmissione dei dati delle stesse;
  • Il datore di lavoro comunica in via telematica con tempestività all’INAIL il nominativo dell’organismo che esso stesso ha incaricato di effettuare  le verifiche;
  • l’organismo incaricato  della verifica dal datore di lavoro corrisponde per le stesse all’INAIL una quota, pari al 5% della tariffa definita dal decreto. Tale importo è destinato a coprire i costi legati alla gestione ed al mantenimento della banca dati informatizzata delle verifiche;
  • Le tariffe per gli obblighi imposti applicate  dall’organismo che e’ stato incaricato della verifica dal datore di lavoro, sono individuate dal decreto corrispondente del presidente dell’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del  lavoro (ISPESL).

Tutto ciò ha impatto concreto sulle modalità di trasmissione appunto (digitalizzazione), sul tariffario applicato, che infatti va a cambiare. Ora che il DL è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale siamo in attesa dei consueti chiarimenti da parte di INAIL e MISE sugli aspetti che dovessero presentare ambiguità. Ricordiamo infine che OBIS offre assistenza sia nella verifica dei detti impianti che nelle comunicazioni di legge agli organi competenti.

OBIETTIVO SICUREZZA S.a.s di Michele D'Angeli e C.
Sede Legale: Via Orvieto 13 – Torre Matigge - TREVI 06039 (PG)
Email: info@obiettivosicurezzalavoro.com
Telefono: 340 7920 095 - Fax: 0742 345 049
P.Iva: IT 03224310544 - REA: PG 273240
PEC: obis@pec.it Codice Destinatario: M5UXCR1

Sede Operativa: Corsi a Spoleto, Foligno e Norcia - i corsi avranno sede nelle aule formative convenzionate o a richiesta nell'azienda del cliente

PRIVACY

Certificazioni

I nostri tecnici dispongono delle seguenti certificazioni:
Auditor/Lead Auditor dei sistemi di gestione Qualità (UNI EN ISO 9001:2008 e aggiornamento UNI EN ISO 9001:2015), Ambiente (UNI EN ISO 14001 e aggiornamento UNI EN ISO 14001:2015), Sicurezza (OHASAS 18001).
Attestato di competenza D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) e D.Lgs. 81/08 (T.U.S.S.L.).
Addetto al Primo Soccorso (BLS) e Antincendio.
Qualifica di RSPP per tutti i settori merceologici.

Contattaci

7 + 11 =